videomaker, fotografo, musicista e sound-designer

Un piccolo dio

Ecco una splendida “favola” tratta dall’incipit del post “Indizi d’esistenza: la voce e il canto” di Valter Binaghi:

“C’era una volta un piccolo dio, incredulo della propria natura divina. Era un ometto senza prestanza nè particolare dignità sociale, e aveva chiuso nel cuore il fardello (così comune, pare!) di un’infanzia piena di promesse e parenti deludenti, giovinezza dissipata e studiose futilità, promesse tradite, colpe sempre più onerose, e le membra intorpidite da un’ignavia sottile.
Una notte, incapace di dormire, uscì nudo sul terrazzo di casa e proruppe in un grido straziante, che allarmò non poco i vicini. Ma il grido non s’interruppe affatto. Anzichè spegnersi, iniziò a modularsi in una nenia che non era gemito e non era pianto, ma somigliava sempre più a una canzone: non più un urto ma una carezza alle porte della notte. L’uomo cantò finchè ebbe fiato, poi guardò in basso e vide che nel suo giardino incolto era spuntato, già robusto, un ciliegio in fiore.
Allora ricordò di essere un dio, e si coricò ritrovando pace in un sonno ristoratore”.


Potrete trovare uno scambio di idee con l’autore nei commenti di un mio post.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...