videomaker, fotografo, musicista e sound-designer

Gigantografie razziste a Velletri

Capita a volte di uscire di casa a prendere una boccata d’aria dopo una tranquilla giornata in cui ci si è ripresi da Maroni che insiste con la politica della delazione nei confronti dei clandestini (questa volta avrebbero dovuto essere i presidi delle scuole a dover denunciare i genitori senza permesso di soggiorno…) e ci si imbatte in uno schifo razzista come questo:

Che cosa sarebbe questa gigantografia? una "pubblicità" di un insetticida o un esplicito messaggio razzista? Quel che ne consegue è una facile analogia ed equazione mentale: clandestini=scarafaggi, zanzare, ragni, vespe, zecche, etc… Con conseguente (sottointeso) invito allo sterminio.

In questa zona, tra le più trafficate di Velletri, vi era a breve distanza un’altra gigantografia uguale. A mio parere ci sono estremi di reato. O per lo meno, chi non è razzista non dovrebbe comprare codesto insetticida…

Ad ogni modo continuiamo a registrare una deriva pericolosamente intollerante e xenofoba, in questo caso concretizzatasi nel delirium tremens iper-fascista di qualche pubblicitario o di un responsabile per le affissioni dei manifesti, con simpatie per l’estrema destra… Non so… Sono senza parole.

PS: Per chiedere spiegazioni alla ditta Sandokan, info@sandokan.com.

(Nel frattempo i clandestini sono diventati fuorilegge).

Annunci

9 Risposte

  1. Senza parole…magari si possono vedere come messaggi subliminali.

    5 maggio 2009 alle 23:08

  2. valeriomele

    Subliminali mica tanto però… 10 mq di cartellone con tanto di insettacci in evidenza e grafica stile estrema destra, sono, a mio avviso un messaggio chiaro. E oggi votano la fiducia per introdurre il reato di “clandestinità”. Questa pubblicità provocatoria capita “a cecio” in un clima, tra l’altro, di depistanti false tristezze presidenziali ostentate alla trasmissione azzerbinata di Vespa (magari Sandokan con lui è più indicato…).

    Nel frattempo ho spedito una email al comune, chiedendo di provvedere alla rimozione delle gigantografie… Vedremo.

    6 maggio 2009 alle 10:12

  3. Ciao Valerio, grazie della segnalazione! Avevo letto che i primi manifesti della campagna della sandokan erano diversi e che addirittura 400 già affissi erano stati “corretti”, ma non ero riuscita a sapere come effettivamente fosse la “prima versione”. Non che l’ultima versione (quella che ho fotografato a Bo) sia una bella storia, ma questa che hai immortalato tu (presumo la prima versione) è veramente vomitevole e non lascia dubbi sul messaggio che vogliono lanciare pubblicizzando un insetticida … magari hanno trovato l’idea “simpatica” …
    Cosa si fa? Credi che possiamo (abbiamo le forze) di lanciare una campagna per la rimozione?
    Fammi sapere, passa in Marginalia se hai delle novità
    grazie ancora

    14 maggio 2009 alle 07:01

  4. valeriomele

    E’ un dato di fatto che abbiamo perso… E’ stata approvata una legge razzista, che discrimina alcune persone rispetto a noi “comunitari” coi documenti in regola. I clandestini sono persone diverse e senza nessuna tutela per legge.

    Credo che si possa solo manifestare pubblicamente in piazza. Per rivendicare diritti civili che dovrebbero essere scontati… E dimenticare ancora una volta il vero nocciolo della questione: questa IV Guerra Mondiale è una guerra del mercato globale (delle macchine, della finanza, del “virtuale”, ecc…) contro le persone. E a favore dei modelli, degli standard, dei paradigmi…

    14 maggio 2009 alle 12:25

  5. valeriomele

    Nello specifico ho notato solo una grande indifferenza da parte di quasi tutti.
    Su queste basi c’è poco da fare… Ho spedito dozzine di email ad associazioni, ecc… Nessun interesse.

    Localmente, il comune, la polizia municipale e i giornali trovano la faccenda non degna di nota… e neanche rispondono.

    Si potrebbe provare con una denuncia (se è vero, come sostiene un commentatore sul sito della Feltrinelli, che i manifesti come quelli di Velletri sono stati censurati)…

    14 maggio 2009 alle 14:50

  6. valeriomele

    Hanno tolto i manifesti.

    15 maggio 2009 alle 08:45

  7. il Novecento e il Duemila sono due secoli di profonda ignoranza

    31 maggio 2009 alle 08:13

  8. Ha Bo invece fino a prima della mia partenza (a ieri) c’erano ancora tutti (tranne quelli, diciamo così danneggiati da ignoti/e)

    Ho ricevuto un fascicoletto pubblicitario della Lega Nord per le Europee. Uno dei loro manifesti (con l’immagine di un barcone pieno di migranti) recita: “Abbiamo fermato l’invasione” …

    Ho degli attimi di vero scoramento

    3 giugno 2009 alle 17:05

  9. Pingback: Che fine ha fatto l’antipsichiatria? « Valerio Mele

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...