videomaker, fotografo, musicista e sound-designer

Al concerto degli Speed Caravan

Sabato scorso sono andato a vedere Mehedi Haddab e il suo stravagante ud elettrico… Questo musicista di origini algerine, già noto per le sue collaborazioni con Ekova e Asian Dub Foundation, è un personaggio davvero singolare… Ero proprio sotto il palco a fine concerto e ho potuto notare una certa dissociazione tra la composta calma mistica propria dei suonatori di ud e l’elettricità eccitata, narcisista ed entusiasta propria, per esempio, di un Hendrix. Costui fissa un punto nel vuoto mentre le sue dita si muovono in modo sovrumano e meccanico disegnando frasi nervose e velocissime. Non guardava il pubblico… vedeva i punti di attacco e stacco della cascata irrefrenabile di note. L’ho chiaramente letto nei suoi occhi. E’ stato un vero trionfo di ispirazione e spettacolo… Anche se Mehedi, ne sono sicuro, sarebbe in grado di volare più alto… Il suo limite forse è proprio la mania occidentale per lo spettacolo… Di lui mi impressiona il fulmine che disegna la rapidissima sequenza dei movimenti delle dita… prima che la valanga di note possa travolgere chi lo ascolta.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...