videomaker, fotografo, musicista e sound-designer

Agonia e suicidio di una formica rossa…

…per protestare contro la sua trasformazione in pixel di una ripresa in High Definition (HD).



Pur nella morte infatti, quella formica trovò le forze per gettarsi da un gradino, scomparendo così alla vista di una videocamera crudele e forse persino compiaciuta… come il “turismo di guerra” che osserva da terrazze i territori di Gaza, per assistere all’azione dei cecchini israeliani contro l’inerme popolazione palestinese.

Di chi è la responsabilità di questa tecnologia che ci rende indifferenti alla realtà, insensibili all’altrui sofferenza? La morte in HD è forse meno “mortale”?

Quel che volevo dire l’avevo già scritto in una poesia della raccolta “L’apocalisse” (ormai introvabile per la tiratura limitata e perché le copie andarono letteralmente a ruba):


IL CICLO DELLA VITA

Erbivoro distratto,

col tuo zoccolo

hai distrutto

un formicaio.


Con questa poesiola volevo evidenziare come vi sia ineluttabilmente, tra i viventi, un destino sanguinante, in perdita… e non un armonico e fasullo “cerchio della vita”… Per me vi è più che altro una spirale centrifuga

Perdiamo tutto, sempre e comunque

(salvo accogliere il movimento,

il -getto che mette in moto

il vortice delle forme

e della loro dissoluzione).


Siate una galassia.

Abdicate alla vostra sovranità e siate responsabili(*).

________________________

(*) “capaci di rispondere”, con parole e azioni, a voi e agli altri…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...