videomaker, fotografo, musicista e sound-designer

Questo blog non è per Emergency… è contro la guerra!

O nemico o vittima. Il modo migliore in cui ci piace vedere gli altri è quando sono vittime. In molti dei conflitti tuttora aperti viene costruita l’immagine ideale del soggetto-vittima impotente (per esempio, i bambini sotto le bombe), in difesa del quale è chiamata a intervenire la Nato, benevola potenza straniera. La Nato si preoccupa allo stesso tempo che le vittime “RIMANGANO VITTIME, non un’attiva forza politico-militare capace di difendersi (…) l’altro da proteggere è buono nella misura in cui RIMANE UNA VITTIMA…” (Il godimento come fattore politico, p. 143). Altro aspetto dello stesso fenomeno: “l’atteggiamento interventista umanitario degli americani” presente in ogni parte del pianeta, che rivela abbastanza facilmente una “dimensione aggressiva di fondo…”

(citato da questo arti colo di Roberta Salardi, che recensisce Žižek).

L’immagine è tratta dalla home page del sito di Emergency… Ecco come ci piace vedere i nemici dell’Occidente. Prima azzoppati (nel migliore dei casi) da professionisti della morte in mimetica e poi sorretti da altri professionisti in camice bianco. E’ incredibile come si assista ad una mobilitazione in piazza per tre operatori di Emergency accusati di terrorismo e si dorma placidamente mentre l’esercito italiano si macchia di complicità in una guerra dai risvolti orribili e agghiaccianti in cui si sperimentano nuove, sofisticate e iper-tecnologiche macchine belliche.

Non per fare il bastian contrario, ma il mio ragionamento è molto semplice:

Se non ci fosse la guerra non ci sarebbe Emergency… Io sarei più contro la guerra in Afghanistan, prima ancora che per Emergency, che non sarebbe lì se non ci fosse un conflitto…

E’ la nostra cattiva coscienza di occidentali (nonché una certa recente predisposizione al culto della personalità e all’assenza di capacità critiche e di riflessione) che ci fa salameleccare anche di fronte a Gino Strada (divenuto un “eroe mediatico”, vittima ad “Anno zero” delle tesi guerrafondaie di La Russa…), l’unico, a quanto pare, cui si consente di lanciare strali contro la guerra e l’America, mentre la sua associazione onlus rastrella soldi per le emergenze… E’ il lato buono dell’intervento americano. “Noi andiamo lì a curare i feriti. Siamo un ospedale!”, si dice… Ok, senza dubbio l’impegno dei medici di Emergency è utile ad alleviare le atroci sofferenze dei civili dovute ad uno schmidtiano “stato di emergenza” che si configura come una guerra senza regole chiare, una guerra contro ignoti… ma il problema principale è che l’ISAF e gli Occidentali lì non ci dovevano essere!
E resta inaccettabile, dal mio punto di vista, la capitalizzazione del soccorso, della pulizia delle coscienze, sotto forma di ONG. Dove sono finite le bandiere della pace in tutti questi anni? Dove il pacifismo della Chiesa e l’anti-militarismo della Sinistra? Tutto spazzato via dai funerali di Nassirya? Basta con la retorica della VITTIMA, della MINACCIA DEL TERRORISMO e dei DIRITTI UMANI quando nello stesso tempo si riducono individui di un popolo lontano (e non solo…) a materiale biologico da curare, ricucire e ricomporre, in nome di un universale e sanguinoso UMANITARISMO!…

MOSTRI!

Annunci

5 Risposte

  1. utente anonimo

    E tutto per:

    18 aprile 2010 alle 13:15

  2. utente anonimo

    Di protesi in protesi:

    18 aprile 2010 alle 13:20

  3. valeriomele

    Una protesi fallocratico-capitalista prende il volo…

    18 aprile 2010 alle 14:13

  4. valeriomele

    E ora che hanno appena liberato i tre operatori di Emergency "senza mettere in discussione la nostra posizione di ferma solidarietà con le istituzioni afghane e la coalizione internazionale" come afferma Frattini confermando pieno sostegno all' ISAF e alla democrazia fantoccio (o dittatura corrotta) di Karzai, giù bombe e mitragliate via software come prima e peggio di prima! E la pace?… 'sti cazzi!Veri o in protesi.

    18 aprile 2010 alle 15:01

  5. Per l'utente nr. 2: non mi serve ancora, ma dove potro' reperire per il futuro quella protesi ? Non voglio prendere il viagra perchè ho paura degli effetti collaterali…

    24 aprile 2010 alle 18:08

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...