videomaker, fotografo, musicista e sound-designer

L’ipotesi perversa

Lo so, è da un po’ che non scrivo in modo sistematico (ammesso che l’abbia mai fatto… del resto non devo dimostrare di essere degno di pubblicazione, quindi scrivo a vanvera, in modo incompleto, trascrivendo appunti, conversazioni, riflessioni, senza “bella copia”). Il web non merita di più… Se vi va, sistematevi voi i pensieri più tardi… non sono disposto a lavorare gratis al posto di nessuno… né intendo “criticare”, ovvero, differenziare ulteriormente i rifiuti culturali nei quali sguazziamo per re-immetterli nel circuito produttivo… Merda è, merda sia. 

 C’è un’eresia nel pensiero contemporaneo che parte dalla patafisica di Jarry (che aveva mostrato, pur essendo anarchico, come l'”anarchia” sarebbe diventata un atteggiamento borghese, con la marionetta di “Ubu re”), passa per la dicotomia Sade/Fourier inaugurata da Klossowski con “La moneta vivente”, proseguita con Barthes in “Sade, Fourier, Loyola” e continuata con “Economia libidinale” di J.F. Lyotard (l’idea della tensione che di recente mi sono accorto di aver espresso anche io con l’aforisma “Essere questa tensione”) e gli scritti di Baudrillard, che mettevano in crisi l’articolazione freudo-marxista processo primario/processo secondario, struttura/sovrastruttura… Parallelamente nella realtà avveniva che la produzione e l’intero processo economico venissero sussunti dalla complessità della macchina del capitale finanziario…  L’impressione è che l’hardware non sia che un software più denso… una specie di “soft machine” che sembra quasi coincidere con la vita stessa… una “società liquida”, ma più ancora una liquidità (una sorta di pelle sintetica come quella che si applica sulle ustioni, liquido che all’occorrenza diviene membrana, più performante della pelle, pellicola dis-piegata e dis-tesa come quella descritta nell’incipit crudele di Economia libidinale di Lyotard), una liquidazione, alla quale in definitiva sembra non esserci scampo…
Io, per ovviare a questa incresciosa soluzione finale, totalitaria, solo apparentemente incruenta o piacevole finché dura, ho più volte proposto di opporre l’embolo al simbolo… il corto circuito, la resistenza (intesa fisicamente come tensione estrema, distribuita random) che brucia il circuito integrato, il processo di integrazione/dis-integrazione… ma per liberare cosa o chi? …un gioco che impedisca la “circonversione” di libido o interesse (…ma anche di incapaci), dove capita e a tutti i livelli…

…che impedisca con delle regole il “supplemento” di interesse e godimento ricavato dall'”inibizione”, dall’Aufhebung, dalla “Kastrazione”, dal soffocamento (nel senso dello smothering), dalla corsa coi sacchi, ecc… (interessante tutta la merceologia idiota che c’è in questa voce wiki).

 (Se Baudrillard mi causò una profonda depressione a fine anni ’90, Lyotard, mentre lo leggo, mi sta facendo torcere lo stomaco come il nastro di Moebius…).

“Nel sistema del capitale la moneta è più generalmente ogni oggetto, in quanto merce, e dunque moneta, reale o potenziale, non è soltanto un valore convertibile in un processo universale di produzione, ma anche indiscernibilmente (non oppositivamente, dialetticamente) carica di intensità libidinale. Il sistema del capitale non è il luogo di occultamento di un preteso valore d’uso che gli sarebbe “anteriore” – questo è il romanticismo dell’alienazione, il cristianesimo – ma innanzitutto che esso è in un certo senso più che il capitale, più antico, più esteso, e infine che i segni detti astratti, suscettibili di calcolo e misura previsionale, sono in se stessi libidinali”.

“Credete forse che sia un’alternativa, o questo o morire? E che se si fa questo, se ci si fa schiavi della macchina, macchina della macchina, fottitore fottuto da essa, otto ore al giorno, dodici ore un secolo fa, è perché si è obbligati, costretti, perché si tiene alla vita? La morte non è un’alternativa a questo, ne è una parte, essa attesta che c’è del godimento nel questo, i disoccupati inglesi non si sono fatti operai per sopravvivere, hanno – tenetevi forte e sputatemi addosso – goduto dell’esaurimento isterico, masochista, non so che cosa, di resistere nelle miniere, nelle fonderie, nei laboratori, nell’inferno, hanno goduto nella e della folle distruzione del loro corpo organico che certo gli era stata imposta, hanno goduto che gli fosse imposta, hanno goduto della decomposizione della loro identità personale, di quella che gli aveva costruito la loro tradizione contadina, goduto della dissoluzione delle famiglie e dei villaggi, e goduto sera e mattina del nuovo mostruoso anonimato delle periferie e dei pubs.

E ammettiamo infine che esiste tale godimento, simile, in questo la piccola Marx vedeva chiaro, simile in ogni punto a quello della prostituzione, godimento dell’anonimato, godimento della ripetizione dello stesso sul lavoro, lo stesso gesto, le stesse entrate e uscite dal laboratorio, quante verghe all’ora, quante tonnellate di carbone, quante barre di ghisa, quanti barili di chiavate, non prodotte, certo, ma subite, le stesse parti del corpo utilizzate, escludendo tutte le altre, consumate, come la vagina e la bocca della prostituta istericamente desensibilizzate […].
(Da “Economia libidinale” di J.-F. Lyotard)

Il punto è che a furia di godere, non si gode più… e regna una certa assuefazione… un’insensibilità diffusa… niente fa più effetto… L’informazione che passa è metadone…

Capisco solo che la dicotomia (o la coppia complementare) schizofrenia/paranoia che attraversa pressoché tutti i plot narrativi contemporanei (compresi quelli della società, del diritto, dell’economia come dell’individuo) sia il vero equivoco… In realtà non c’è nessun complotto e nessuna sovversione… Sono tutti perversi, sado/masochisti… godono di esser vittime o di farne. Godono dei soprusi, delle “oppressioni”, di subire ingiustizie per rivendicare soprusi, di essere repressi per “emanciparsi”, per dedicarsi al pissing estremo… Finché si mantiene il pericolo psicotico, la zozzeria nevrotica borghese è garantita.

Che fare dunque? Non aver paura… di non essere più “soggetti” desideranti, riconosciuti, palingenetici? Non godere di avere in tasca o in borsa una tessera sanitaria, dei soldi e una carta d’identità? Né emozioni, né piaceri indotti, desideri insaziabili, dipendenze? dividuarsi? (lasciar) crinare tutto fino all’estremo per poter riaprire le danze con giochini nuovi? Non c’è altra possibilità…
Nel frattempo… non c’è niente da difendere o da salvare. Nessuna cosa, nessun soldato, nessun eroe, nessun sopravvissuto. Nessun corso di sopravvivenza.
Lasciate morire quel che deve morire… (eventualmente, dando una mano…).

D’ora in poi si dovrà parlare dei politici e dei protagonisti del mainstream mediatico come si conviene delle pornostar e anche le “manifestazioni” dovrebbero adeguarsi… love parade estreme… Che puttanaio sia. Totale. Invece dei servizi d’ordine, frotte di masochisti che smaniano per i manganelli… cose così…  IO – Stanotte leggevo il capitolo “La Forza” (di “Economia Libidinale”) in cui spiegava che non c’è verginità del lavoratore-prostituta, quella che desiderava la romantica “piccola Marx”… che la condizione di prostituzione da non poterne più è stata scelta in modo naturale e in modo libidinoso… la sua forza-lavoro (pompini, chiavate o quant’altro si faccia a lavoro) offerta come un dono selvaggio, senza alienazione… e soprattutto che questa forza è stata annichilita dalla “grande testa” (caput, capitale) del “corpo di macchina”, dal “soggetto sociale universale” (moneta vivente prostituibile in miliardi di modi… l’indifferente e inorganico equivalente della prostituzione universale… Lyotard insomma preconizzava la mostruosità dei “social network”… e mostrava quanto questo somigli al comunismo di Marx, presumibilmente, per i marxisti ostinati, sussunto dal Capitale…).
Mmmmm… fa un po’ vomitare, vero?

Diceva anche che il Capitale è il “di più” di produzione, il “produrre per produrre” (dunque libidinalmente, chiavare per chiavare, ecc… chiavata perversa, si dirà… costretta, esasperata, frigida… come certe macchine da sesso, di certi video, cui si attaccano le pornostar, pre-lubrificate per evitarle l’attrito, acclamate da una folla anonima e silenziosa di masturbati). Non lo scrivo con disgusto moralista… è quello che accade anche mentre leggi.
Anche questo mio dono di prostituzione gratuita al “soggetto sociale universale” che è un “social network” (comunque privato, con un magnaccia nerd dietro che raccoglie un po’ di sperma e soldi qua e là… ma non importa), anche questo mio dono, dicevo, fa parte del bordello generale… del godimento frigido… che inviterei a disertare… (ma questo lo dico io…) che si goda il giusto… senza sovra-eccitazione… costruendo (anche “se stessi” come) una macchina senza testa (una macchina che impedisca che ci sia una “testa” per ogni corpo de-capitalizzato).

 LEI – Scegliere un’aurea mediocritas… non credo sia possibile. Secondo me non è tanto l’eccitazione o la perversione da limare, quanto l’ostinazione al raggiungimento (del successo) e la scala di valori che la compone…

IO – Sì, ma Lyotard poneva la questione: rispetto a quale “verginità” che non c’è? Senza dubbio poi i valori sono una bella ipocrisia, visto che sono pronunciati in un postribolo… Certamente religione ed etica del capitale, di cui tanto cianciano i magnaccia, sono da gettare nel cesso… La questione è per me come impedire che del nostro godimento si profitti… e senza per questo fare una scelta religiosa o sacrificale, ascetica… quindi sono d’accordo col “non è tanto l’eccitazione o la perversione da limare”… sarà una questione di gusti o orientamenti da trasformare? pervertendo le tante perversioni che si praticano?… Voglio dire… io godrei un sacco a vedere crollare tutto questo mondo-bordello… anche questo è un “di più”… ma lo è per me che vi vedo un’inibizione di forme di vita più libere… l’unica condizione per continuare a godere, senza la restaurazione della Grande Macchina del Capitale, in quel caso, sarebbe quella di costruire come si può una “macchina da godimento” contrattato in libertà con le piccole perversità altrui e proprie… tenute a bada… non intendevo la morigeratezza…

In altri termini:
– A bello! Tu me voi fa scopa’ co’ 200 stronzoni… ma chi t’encula?… io chiavo chi decido io perché me piace e pe’ veni’… non me faccio scortica’ pe’ te!…
(e questo riferito al Capitale, che organizza la prostituzione in modo efficientissimo, come a qualsiasi sfruttatore di piccolo e medio calibro… Poi è da vedere se non ci sia comunque la tentazione di volere di più di quello che basterebbe affinché non vi sia di nuovo “sfruttamento”… dunque ancora sado-masochismo seriale… Insomma, una volta montata la “macchina senza testa” dei liberi godimenti, andrebbe suggerito: “Damose na carmata… no’ stamo ar circo!…”. E comunque non è detto che poi non ci sia il circo, lo stesso…).

Ah… senza contare che osteggiare “l’ostinazione al raggiungimento” del successo potrebbe tradursi nel fallimento completo… Nel lavoro della morte, nell’improduttività, che c’è (è prevista) anche nel bel mezzo del godere… In qualche modo, se non si accettano i valori espressi dai magnaccia, il sistema capitalista rende molto difficile vivere… costruisce botole, trappole, buchi neri…

Annunci

13 Risposte

  1. Pingback: Pipponi sadiani « Valerio Mele

  2. Pingback: Adaequatio rei ad imaginem « Valerio Mele

  3. Pingback: A proposito di “veline”, pubblicità, mercificazione dei corpi… e gratuità del sesso « Valerio Mele

  4. Pingback: Per farla finita con il debito infinito « Valerio Mele

  5. Pingback: La guerra in Mali è dunque (in)finita?… ed è più “world” o “etno”? « Valerio Mele

  6. Pingback: La norma “democratica” come stato d’eccezione dell’eccezione (una storia familiare) | Valerio Mele

  7. Pingback: Snuff polity | politiche della “pozza di sangue” | Valerio Mele

  8. La circonversione (del capitale o della libido) di cui scriveva Lyotard si mostra sempre più chiaramente come una sorta di circonvenzione di incapaci…

    Scriveva Lyotard, sempre in “Economia libidinale” (1974), scandalosamente ripubblicato solo di recente in Italia, dopo una latitanza trentennale, questo paragrafo intitolato “Lo zero della circonversione”, nella sezione intitolata “Il Capitale”:

    Il totalitarismo non è che il processo di dominio dell’insieme padrone sull’insieme asservito. Questo processo non è episodico, congiunturale, legato alla fortuna di un determinato partito politico (la “destra”) o di una determinata classe sociale (“la borghesia”): una sinistra unita o meno, che operi eventualmente in nome del proletariato, farà lo stesso lavoro di individuazione delle minacce, di centralizzazione delle informazioni, di diffusione degli ordini, di eliminazione degli avvenimenti e degli uomini o gruppi che si suppone complici di questi avvenimenti. Essendo la dimensione erotica del desiderio della sinistra più marcata di quella di altri gruppi, è lecito chiedersi se essa non soffochi la circolazione delle energie ancor più di quanto non faccia una formazione che confidi nel potere unificante del capitalismo. In ogni caso, che differenza c’è oggi, a più di mezzo secolo dalla prima rivoluzione operaia, fra la statalizzazione dei circuiti economici e del pensiero culturale e politico operata da un partito “comunista” e l’inquadramento di tutti i pezzi del corpo sociale mediante la scuola, la caserma, il manganello, i mass media, la pubblicità, il conformismo e la paura di fallire, in un paese di “libera impresa”? Qualche sfumatura; sia qui che là, terrore bianco esercitato sulla rossa violenza delle intensità che mutano sulla grande pellicola pulsionale. Sfumature nel totalitarismo e nel potere di circonvertire.
    [… ]
    Che cosa è “ricchezza”, che cosa è “bene”, che cosa è “scambio”, che cosa è “lavoro”, quando i prezzi si determinano, fuori da ogni dibattito fra gli scambianti, in base ad una merce campione complessa che nessuno (salvo un teorico dopo 40 anni di studio) arriva a definire, quando la parola, il sapere, un’attitudine, un’opinione possono e devono essere contabilizzati in averi, quando non è più il detentore di capitali a decidere del loro investimento? quando il militare si fa economista, l’economista psicanalista, lo scienziato militare, il pedagogo informatico?
    [… ]
    Uno dei sociologi più lucidi si lamentava (e rideva) di non riuscire a dotare la sua funzione di una parvenza di dignità scientifica. Sospetto che al giorno d’oggi ogni disciplina non può non nutrire nei propri confronti. L’idea di scientificità soccombe due volte: sotto l’asservimento delle sue funzione a quelle del capitale in quanto grande circonverso, oppure sotto la confusione delle une con le altre; e sotto l’effetto di promiscuità prodotta nel campo delle ricerche istituite dal passaggio del capitale in quanto, questa volta, grande perverso. Tanto che oggi la scienza non è che ricerca d’efficacia, ossia di potere, per il primo aspetto, e produzione di finzioni bizzarre ed efficaci, per il secondo. Non solo non c’è la “cosa economica”, ma non c’è nemmeno la “cosa scientifica”.
    Il grande circonverso vuole circuiti stabili, cicli uguali, ripetizioni prevedibili, contabilità senza impedimenti. Vuole eliminare ogni pulsione parziale, immobilizzare il corpo. E’ la stessa ansietà dell’imperatore di cui parla Borges, il quale voleva una carta talmente esatta dell’impero che essa avrebbe dovuto ricoprire il territorio in tutti i suoi punti e dunque raddoppiarlo nella sua grandezza naturale. E mentre i sudditi del monarca passavano tutto il loro tempo e impiegavano tutte le loro energie a rifinirla e ad aggiornarla l’impero “stesso” cadeva in rovina via via che il suo rilievo cartografico si andava perfezionando. Tale è la follia del grande zero centrale, il suo desiderio di immobilizzazione di un corpo che non può “essere” che rappresentato. E tale è la follia dell’economia politica che si avvera nelle costruzioni di Sraffa. Ed era la follia della piccola Marx, desiderio di una genitalità sociale nella quale tutte le pulsioni parziali verrebbero riassorbite, che avrebbe in sé la propria unità e in cui infine dominerebbe la verità dell’economia politica; ossia una riproduzione conforme alla natura. In questo desiderio di “natura”, che è desiderio di una totalità unitaria, c’è una furiosa spinta concentrazionaria.

    14 luglio 2013 alle 00:01

  9. Pingback: Il lavoro “sommerso” e la concorrenza “sleale” | Valerio Mele

  10. Pingback: Un post moderno (l’ermafrodito Mosè-Miriam riemerge dalla forma-stato del codice napoleonico) | Valerio Mele

  11. Pingback: L’ipotesi perversa II | Valerio Mele

  12. Pingback: L’ipotesi perversa III | Valerio Mele

  13. Pingback: Al di là dei simulacri e degli spettri politici | Valerio Mele

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...