videomaker, fotografo, musicista e sound-designer

Articoli con tag “angeli

La droga delle religioni

“Può portare il soggetto a forti allucinazioni visivo-auditive definite come “di pre-morte”, con la percezione di ‘entità disincarnate’, apparenti visioni del futuro (flashforward) e vista del proprio corpo dall’esterno. […]
C’è ragione di pensare che l’organismo sfrutti molecole con azione simile in condizioni d’arresto cardiaco per preservare l’integrità del sistema nervoso centrale e periferico”.

(tratto dalla voce Ketamina della Wikipedia)

Stamattina, appena svegli, io e la mia fidanzatadiscutevamo dell’importanza degli umori (gli attuali neurotrasmettitori) per gli esseri umani… e ipotizzavo l’esistenza di un’endorfina estremamente potente, capace, in prossimità della propria morte di renderla più accettabile (un po’ come c’è l’orgasmo perché ci si riproduca, ecc…).
In realtà ancora prima si parlava dei residui dell’androginia fetale sul nostro corpo… Ci si poneva domande tipo:
– Perché gli uomini hanno i capezzoli se non servono?
 – Perché hanno una sutura longitudinale sullo scroto?
Di conseguenza notavo una sorta di lavoro della morte al principio della vita, che uccide selettivamente alcune cellule, membrane, ecc… per forgiare le forme umane che riconosciamo come tali. Da lì poi si è passati a parlare della morte (cazzo, appena svegli!!!)… e dunque di religioni e umori (questi sarebbero la base animale, indifferente e “innocente” della costruzione corporea delle etnie, animica delle religioni e razionale dell’apparato militare… tripartizione di cui parlavamo invece ieri a cena…).

Insomma i discorsi di una normale coppia…


Via dalla Via Lattea!

Con un viaggio che raggiunge la velocità impossibile di 250.000 anni luce al secondo, partendo dalla Terra, usciamo fuori dal Sistema Solare, poi dal campo delle costellazioni (i tracciati bluastri) visibili dalla Terra… e infine dalla nostra Galassia, la Via Lattea… Compaiono le due galassie più vicine alla nostra… Ma ci rendiamo anche conto di quanto sia piccolo quello che noi consideriamo immenso… il nostro mondo, le costellazioni che conosciamo… un mare di stelle perduto in uno smisurato oceano di vuoto.Ciò che esiste sembra che sia “quasi niente”.

innegabile la somiglianza di questa immagine con le nebulose fotografate da Hubble...Ma l’onda che attraversa l’intero “universo” (o “poliverso”) in ogni suo luogo lega il più infimo degli elementi al più smisurato. E perfino il vuoto (ammesso che lo sia poi davvero) acquista un senso nel reticolo che abbraccia ogni cosa, in infinite modulazioni e modalità…

Alla fine sembra una musica… E pare di stare nel cosmo come un feto nella pancia di una madre. Non sentiamo che l’eco confusa di quel che è al di là del conoscibile.

____________________________________

PS: Il programma  che ho usato è Celestia, un software che consente di viaggiare in un modello in 3D del Sistema Solare, delle stelle e delle galassie conosciute.

La Fortuna è un vento stellare

E se la mia Musa mi svegliasse e mi dicesse che la Fortuna non può essere ricercata per sé… ma che essa è un vento che decide dove andare?…

Il vento soffia a mezzogiorno, poi gira a tramontana; gira e rigira e sopra i suoi giri il vento ritorna”. (Qo 1, 6)

Essa è come una tromba d’aria… non puoi trovarti dove essa è a tua volontà… solo lei decide, solo lei può sollevarti.

Se cerchi di trovarla, la Fortuna fuggirà… Lei, figlia di Mercurio e Venere (ovvero la Vita e i suoi Corpi conduttori), passa dove vuole, in minore o maggiore quantità e in accordo con la tua capacità di lasciarti attraversare o condensarla.

E’ forse il nostro “campo magnetico”, molto prima della nostra coscienza ad entrare in gioco.

O meglio, il segreto pulviscolo che si condensa nelle coscienze a determinare l’incrocio tra la Fortuna e la nostra vita.

nebulosa di Orione fotografata da Hubble

Così occorrerebbe rinunziare ad essere Persona, maschera di sé… riuscire a lasciare questa dimensione anche per un solo incommensurabile istante e affidarsi al vento stellare che ci attraversa segretamente…

Quello accanto, per esempio, è il vento nebuloso di Orione… Quale probabilità vi è di catturare la polvere di quelle strie azzurrine e violette in un oceano di niente?

Eppure gli invisibili venti stellari ci attraversano costantemente… noi stessi, abbandonata la Persona, siamo quel cosmo nebuloso… E siamo lo sguardo degli egiziani, nelle notti del deserto, che puntava, inconsapevole e affascinato, proprio verso quella culla di stelle nascenti.

la Fortuna dell'iconografia tradizionale che getta "polvere di proiezione"Le nostre aurore boreali danzano al plenilunio. In attesa di un refolo di Fortuna… senza cornucopia di Amaltea, senza la corona di mura di Tyche, senza la benda… giusto il vento di Iside pelagia o di Venere marina.

Né la muove la meccanica ruota dei Tarocchi, azionata da scimmiette…

I mondi alati (vedi illustrazione) la recano… quel che noi segretamente siamo, condensando in vita della polvere di stelle.

E così, ritrovando la rotta stellare tra la gente e perdendo la propria avidità, può capitare anche di trovare delle banconote per terra…

Buona Fortuna!

PS: Chiudi gli occhi, condensa la polvere di proiezione e gettala in terra…


Eremiti metropolitani

Antonin Artaud ne "La passione di Giovanna d'Arco" di Dreyer

“Sì, ecco ora il solo uso cui possa servire il linguaggio, uno strumento di follia, di eliminazione del pensiero, di rottura, il dedalo delle derisioni e non un Dizionario dove certi pedanti canalizzano i loro restringimenti spirituali”.

(Antonin Artaud, “A table”)

Gli spazi tra le maglie si restringono ogni giorno di più. Siamo al parossismo della paranoia di stato. Ma cos’è “stato”?… Il participio passato del verbo essere, del verbo stare o di statuere? E’ il sogno folle di un “soggetto universale”… Un passato che… participia, “prende una parte”, si abbarbica, si mette alle nostre calcagna e non ci vuole più lasciare… Il Matto dei tarocchi (figura del "cittadino" contemporaneo) con la lince del Padrone (privato... anche del "fallo" di stato, stabilizzatore, che ormai non c'è più - lo si deduce dall'obelisco spezzato sullo sfondo) alle calcagnaIn cambio di che? servizi?… sempre meno… la loro gestione è per lo più in mano a privati (acqua compresa). Che si ricordano di noi solo per farcela pagare (la bolletta). Centrali d’energia e risorse, nelle mani di estorsori. Ti tengono saldamente stretto per il primo chakra!… Se dovessi decidere di isolarti, le bollette sarebbero l’unico contatto con il mondo: ti vogliono bene e si ricordano sempre e comunque di te… E lo stato? Tasse, multe, manganelli, prigione, armi, truffe, stragi, crimini… e ARCHIVIO. Catalogo delle merci che siamo. Merci masturbate con ogni mezzo, compreso questo, la Rete. Sani, belli, positivi, coccolati, tantrizzati, con scuola di danza e corsi di pittura, bricolage e circoli culturali.

BASTA PRODURRE SENSO!

E’ l’unica forma di contrattacco possibile, per noi “eremiti metropolitani“… natura inafferabile nelle maglie larghe di una cultura bucata, di un tessuto sociale lacerato. Occorre: prendere una spada ben affilata, rispolverare il senso reale dell’espressione “complesso di castrazione” e cominciare a tagliare e trinciare cultura e detersivi, condizioni e condizionamenti, pattume e pezzi di ricambio, telegiornali e bomboniere, segnare il proprio confine intorno a sè ogni volta… a fil di spada! Di qui non si passa: qui si smonta e si rimonta, qui è il regno del riassemblaggio, qui finisce la catena di montaggio… non c’è una cosa uguale all’altra. L’arte! l’artefatto! l’invenzione!

Teseo il "flessibile" viaggia a ritroso nel futuro.Macché! La vita, i ruggiti, i fulmini, la lava! La singolarità… non l’unità. I vortici… non l’Uno.

Io sono un (sog)getto singolare.

E ditelo a chi incarna lo stato: il vigile urbano, il tabaccaio, la televisione, la patria potestà e tutti quelli che ti ricordano della salma che “sarai stato” (detesto il futuro anteriore)… Saremo così ambigui da non essere più distinguibili e definibili, così reversibili da far slogare le categorie di Aristotele, gli assi di Cartesio e il codice binario 0-1 di Leibniz (quello che muove questi processori di nulla nel silicio)!… Saremo così REALI da non essere più SOGGETTI.

REALTA’! REALTA’! REALTA’!

Alcuni intellettuali mormorano nel sonno che l’individualismo, l’atomizzazione e la frantumazione sociale sono il riflesso dell’immaginario delle economie liberali. Dove credono di essere? Ancora a blaterare di comunità, contratto sociale e “buon selvaggio”? Non sono forse anche loro reclusi e schermati? A recitare all’infinito la tragica farsa del “soggetto universale”, come se esistesse: normative, diritti, legge, valute, simboli, bene comune… ESSENZE!!! CRISTIANESIMO! Ma basta!

Imparate a smontare il soggetto che siete e inventate una nuova lingua. Seguendo sempre il filo. Non perdendolo mai di vista. Lasciate parlare la pianta che è in voi. Come si ammazza quella bestia cornuta al centro del Labirinto se non spezzettando tutto, rimontando e spezzettando ancora? Impareremo a leggere dalle figure che verranno fuori. Come per i fumetti quando si è troppo piccoli. Riconosceremo al volo tutte le genealogie… Anche le più oscure e nascoste. Mascherine.

“Non abbiate paura”.

Decondizionatevi! Imbrogliate più che potete, depistate, predite, mentite, dite la verità, seminate emblemi… e risate… Siate tattici.

L’importante è non perdere il filo… (di Arianna… e della lama).


Insomma, a differenza del pensiero “catalogico” (che nutre la passione per i cataloghi), la psicanalogica prevede l’impiego di figure più che ideologie, dell’immaginario più che del simbolico (per usare il linguaggio di Lacan). Dunque non arretra di fronte al “ricondizionamento” e al ruolo tattico dell’inganno consapevole. Ci si racconta una bugia e la si porta alle estreme conseguenze, deducendone le possibili figurazioni. Il metodo è: prassi-teoria-prassi-teoria-prassi-ecc… (Ecco cosa è la Rivoluzione. Ciò che non è “stato”. Ciò che viene. L’a-venire. L’orbita. Le stagioni. Le estinzioni. Le mutazioni…).

Il “potere” (l’istanza definita dalla spada di Damocle, che castra random) cerca di appropriarsi dell’inappropriabile. Nessuna singolarità sarà mai annullata dalle statistiche e  dagli “user generated contents”. Ci provano a farci fare le cavie del loro laboratorio. Non lo siamo. E’ il “potere” (il sopruso potenziale e imminente) ad essere un cattivo esperimento della natura. Un nostro esperimento. La spada deve stare nelle nostre mani, non sulla nostra testa!

(Il “soggetto universale” e lo “stato” sono invenzioni umane destinate a passare. Istanze paranoidi da spuntare. Zac).


Nel commento n°3 al post “Il regno contraffatto” di Eschaton, una mia riflessione sul potere come “finzione tattica”, arbitrio, censura e contromisura d'”emergenza”.


Basta con la Filo-Sophia

Io con la mia chitarra rossaBasta con l’amare il sapere (significato etimologico di “filosofia”). Cosa è comprendere? E’ forse ragionare o… risuonare? (come ambiguamente poneva in francese Francis Ponge, il poeta del “partito preso delle cose”, parlando di réson e raison).

Fra ragionamento e risonanza scelgo la seconda. Vibra di più e privilegia l’Analogia rispetto alla Logica.

Forse non mi si capirà abbastanza. Ma il fatto è che io non voglio essere capito. Vorrei indicare piuttosto un metodo. Un deragliamento, una serie di link ben mirati.

Il collegamento (il link) è il nuovo logos. Decentrato ma rispettoso dell’altro, perché non si ferma mai troppo su se stesso.

Questo è il nostro Nuovo Rinascimento Informatico. Viviamo in un mondo estremamente frammentato, una specie di pattumiera… spazzatura e frammenti ovunque. Nella nostra sovrana, inutile e sottovalutata solitudine possiamo fare del bricolage e reincollare i pezzi. Come ci pare. Con libertà. Ritrovando magari chiavi antiche, un mondo da età dell’oro. In cui tutto era linkato, simbolico e ogni cosa era una coerente struttura di rimando generalizzato.
Il particolare, gli individui, vanno valorizzati fuori e dentro il corpo sociale. Le singolarità non possono appiattirsi in una genericità da comparse. Non siamo più “cittadini”? Siamo solo numeri di una statistica, consumatori, ostaggi di un’oligarchia di finanzieri corrotti? Siamo materia senza massa… neutrini?

No, siamo fatti di tre cose, come tutto il resto.

un po' di oro in foglie sul mio davanzale

Volontà=Zolfo=triangolo=spirito=…
Amore=Mercurio=cerchio=anima=…
Comprensione=Sale=quadrato=corpo=…

E poi potete disegnare tutti i mandala che volete. E siamo fatti di 4, 5, 6, 7 cose…

Quel che conta è l’ordine dei numeri naturali, l’armonia, la vibrazione. Il resto è difficile da contare. E stona. Dà fastidio.

Quindi basta con la filosofia.

Ho amato Sophia non per i suoi ragionamenti, quanto per come penetra nell’intero cosmo.

Occorrerebbe inventare un’ “Analogica“, che permetta ai sogni di essere capiti quanto la realtà e alla realtà di essere letta come un sogno. Qualcosa che veda i colori e le intenzioni dei ragionamenti, prima che possano sottrarre Vita, far perdere tempo e piantare grane.

Comprendere l’altro al volo. Imparare il punto di vista degli Angeli o Intelligenze.

Non dare dignità ai professionisti del pensiero. Niente sapere. Solo un viatico per non smarrirsi nella Mente e nei suoi labirinti.

Il sapere c’è fino a che non segue un’azione. E a quel punto si estingue. Diventa esperienza, pratica, laboratorio, vita.

Per farla finita con la filosofia, vi consiglio vivamente di ascoltare questa aria, tratta dal CD “Castiga ridendo mores”, realizzato con Ugo Innamorati.

Come diceva Antonin Artaud: “L’importante è fare bene la cacca”…